Stalin in Italia, Trotsky a Bologna, storie parallele

presentazione libri
GIOVEDI 5 MAGGIO 011, ore 21,30

Trotsky a Bologna e Stalin in Italia
due racconti di Giorgio Gattei e Raffaele K. Salinari

Trotsky a Bologna. Le vicende del passaggio del leader della Rivoluzione di Ottobre sotto le due torri
di Giorgio Gattei

Stalin in Italia. Storia del viaggio segreto dello Zar rosso ad Ancona e Venezia
di Raffaele K. Salinari

incontro con gli autori

Nell’inverno del 1907 un giovane uomo entra nella hall dell’hotel Roma e Pace di Ancona. È un georgiano che si chiama Joseph Vissarionovich Djugashvili, qualcuno che di li a pochi anni avrebbe adottato un celebre soprannome: Stalin. Cosa ci faceva il celebre rivoluzionario in Italia? Era probabilmente in transito verso la Germania ove avrebbe incontrato Lenin al fine di organizzare la leggendaria rapina che, qualche mese dopo, a Tiblisi, avrebbe fruttato diversi milioni di rubli alle casse dei bolscevichi. Stalin sbarca in Italia per sfuggire alla polizia segreta zarista che lo insegue già da quel che tempo, e dalla città marchigiana si sposta a Venezia e poi verso la Svizzera. Un viaggio che il futuro capo dell’Unione Sovietica cercherà di cancellare dalla storia ufficiale, facendo distruggere le prove dai servizi segreti di Beria ma… senza riuscirci del tutto. L’episodio viene anche citato da Hugo Pratt che fa rievocare da Corto Maltese quello storico momento in una telefonata tra il marinaio e l’allora Commissario alle nazionalità. La cronaca di un viaggio segreto attraverso testimonianze raccolte dall’autore e documenti storici che ricostruiscono uno dei misteri più protetti della vita dello Zar rosso.